Ricerca
#VisitLidoVenice
Book now Book now
Book now
Book now
Meteo
Ricerca
Meteo
Meteo oggi
15°
cielo sereno
Fonte Arpav - Scopri di più
Numeri utili
Informazioni di viaggio
+39 041 8627117
Servizio taxi
+39 041 5265974
Trasporto bagagli
+39 041 713719
Informazioni trasporti Actv
+39 041 041
Numeri di emergenza
Emergenze
112
Guardia Costiera
1530
Guardia Medica
+39 041 2385668
Blocco circuiti Bancomat
800 822 056
// Booking

Lazzaretto Vecchio

Proprio di fronte a via Riva del Corinto, a pochi metri di distanza dalla costa occidentale del Lido, si trova il Lazzaretto Vecchio, una piccolissima isola di circa 2 ettari e mezzo, di cui più di 8000 metri quadrati edificati.

Grazie alla sua posizione, l’isola ha sempre avuto un’importanza storica per le rotte verso la laguna, e il suo isolamento ne ha condizionato il destino.

Intorno all’anno Mille gli Eremitani edificarono qui una chiesa dedicata a Santa Maria di Nazareth e un ostello per i pellegrini di ritorno (o in partenza) dalla Terra Santa.

 

Il nome “Lazzaretto” è quindi sia la mutazione di Nazaretum, ma è anche dovuto alla vicinanza a San Lazzaro degli Armeni: San Lazzaro, patrono dell’isola, è il protettore dei lebbrosi. Per volere del Senato della Serenissima, infatti, il Lazzaretto Vecchio divenne nel 1423 il primo ospitale al mondo per le persone affette da peste e lebbra e, insieme a San Lazzaro degli Armeni e (dal 1428) al Lazzaretto Nuovo ha rappresentato il baluardo di protezione di Venezia contro le epidemie.

Nel XVII secolo il complesso dell’ospedale passò sotto il controllo militare, prima austriaco e poi italiano, e fu usato come magazzino: furono così distrutte la chiesa e il campanile e iniziò un lungo periodo di decadenza.

Il Lazzaretto Vecchio divenne per un periodo anche un canile municipale, ma tra il 2004 e il 2008 iniziarono degli interventi di recupero. L’obiettivo era quello di creare un Museo della città e della laguna di Venezia, e durante gli scavi vennero alla luce fosse comuni con migliaia di sepolture risalenti soprattutto al Cinquecento. Il progetto non fu mai completato, ma dal 2013 l’associazione Archeoclub di Venezia contribuisce in modo gratuito a organizzare visite e alla manutenzione degli spazi del Lazzaretto Vecchio (oltre che di quelli del Lazzaretto Nuovo).

 

Oggi l’isola fa parte del Polo museale del Veneto ed è finalmente meta di visitatori e turisti, che vengono qui per conoscere la storia della sanità ai tempi della Repubblica di Venezia. Di recente è stata indetta una gara dal Ministero della Cultura per recuperare gli edifici del vecchio ospedale e realizzare un Museo archeologico nazionale della Laguna di Venezia.

 

Per visitare Lazzaretto Vecchio:

Si può visitare il Lazzaretto Vecchio durante alcune aperture straordinarie nel corso dell’anno.

Per tutte le informazioni sulle prossime aperture, si può tenere d’occhio il sito Lazzaretti Veneziani a questo link.

Highlights

Pellestrina Venezia
Tempio votivo lido venezia
Book now